1/11 - Run4Marcy
Più di qualcuno si chiederà: cos'è la RUN4MARCY? RUN4MARCY è una manifestazione podistica ludico-motoria che si terrà il prossimo 1° novembre a BOSCO DI RUBANO, in provincia di Padova. Cominciamo subito a dire chi è Marcy: Marcy è un bel bambino nato il 23 gennaio 2019 con una grave... Leggi tutto
10000 passi in sicurezza
Il progetto 10000 Passi in Sicurezza FIASP è patrocinato da Provincia di Padova,  ULSS6 Euganea e Comuni della Provincia Al centro del Progetto i Percorsi Attrezzati,  intesi come percorsi prestabiliti e tracciati - aperti a tutti - che il partecipante fruisce in piena... Leggi tutto
17/10 - Colliamo le Terme
COLLIAmo le Terme è la marcia ludico-motoria amatoriale a passo libero aperta a tutti, omologata e valida per i concorsi FIASP-IVV, proposta ed organizzata dall'A.S.D. United Trail & Running per domenica 17 ottobre a Monteortone di Abano Terme. Come negli scorsi anni, il ritrovo... Leggi tutto
16/10 - 5° Urban Trail
SABATO 16 OTTOBRE Urban Trail. 5 km per sostenere la lotta contro il tumore al seno nel mese della prevenzione Visite di prevenzione gratuite telefonando al n. 049.8801484 (int. 4) Ritrovo dalle 15:00 presso l'Area Martinelli-Pertile di Montagnana (PD) per percorrere pochi km in... Leggi tutto
prev
next

Dal Presidente Nazionale FIASP

Alberto Guidi

Avrete sicuramente tutti notato come in questi giorni e sempre in maniera più pressante si vedono scorrere immagini di persone che semplicemente camminano o che con abbigliamento tecnico sportivo fanno Jogging e queste immagine vengono associate al problema che non diminuisce l’incidenza del per contagio del coronavirus creando, nella pubblica opinione, un rapporto di causa ed effetto tant’è vero che il Ministro dello Sport ha preannunziato divieti in tale campo di attività.

Questo appello esclude con forte credo e convinzione che i nostri affiliati siano sostanzialmente coinvolti in questa problematica, FIASP nel ludico motorio ha da sempre lanciato un messaggio di fratellanza solidarietà sensibilità; nella moltitudine di tali immagini vi sarà sicuramente qualcuno che partecipa alle nostre manifestazione e questo per mero calcolo delle possibilità ma vi è e anche qualcuno che organizza una marcia autogestita con tanto di foto e picnic (uno di essi è ricoverato).

Un orribile messaggio attraversa il settore del ludico motorio che noi tutti tanto amiamo e a cui tanto di noi stessi dedichiamo. Nei contatti avuti in questi giorni con la Dirigenza Periferica, posso dire che essa condivide con la Presidenza un senso di disappunto, sofferenza, rabbia, dolorosa impotenza. Ritengo giusto che questa Federazione si appalesi e si unisca al generale quasi assordante ma non da tutti sentito appello di stare a casa.

#FIASPSTAACASA** senza distinguo ed eccezioni, lo esprime chiaramente per la sua storia, i valori della sua tradizione, la serietà ed il costante rispetto delle regole che ha sempre dimostrato.

Facciamo in modo che non continuino a scorrere immagini che, trasmettendo un senso di fanatico menefreghismo, di qualcuno, distruggano un patrimonio di tutti quelli che ci onorano della loro presenza nelle nostre manifestazioni. Non diamo il pretesto che coloro che hanno da sempre praticato, praticano e praticheranno le attività ludico motorie vengano additati come i moderni untori della peste Manzoniana. 

Noi possiamo far ben poco ma impegniamoci a diffondere ai nostri amici conoscenti diciamo a noi stessi ed a tutti che FIASP sta a casa. Che FIASP esprime sofferenza solidarietà e gratitudine a chi combatte in prima linea e nel rispetto del bene supremo della vita adoperiamoci per il rispetto delle regole se vogliamo contribuire ad uscirne.

Facciamo in modo che il Secondo Raduno Nazionale dei Comitati Territoriali FIASP si possa svolgere liberamente ed i nostri vessilli, spiegati al vento, lancino un messaggio di gioia della vita che riparte e comunichino il riconoscimento ed il compenso per i sacrifici che tutti noi abbiamo sostenuto. 

Il Presidente Nazionale FIASP ALBERTO GUIDI

RIF.AG/KF

L'articolo 2 del D.P.C.M. 4 marzo 2020  prevede una serie di misure di informazione e prevenzione sull’intero territorio nazionale, a valere in generale su tutta la popolazione e per ogni attività quotidiana.

Riteniamo doveroso - al pari di sindaci e associazioni di categoria - promuovere la diffusione delle informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all’allegato 1, che riportiamo:

pagina01

Ricordiamo che per effetto del D.P.C.M 9 marzo 2020, sull'intero territorio nazionale evitare ogni spostamento delle persone fisiche , salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita' ovvero spostamenti per motivi di salute. E' vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

 polizia

#iorestoacasa

 

 

 

 

 PAGINA1

Il D.P.C.M. 4.3.2020 introduce una serie di obblighi e prescrizioni per le attività sportive validi per tutto il territorio nazionale, che vanno in parte a sostituire quanto previsto dal precedente D.P.C.M. 1.3.2020 e - nelle zone gialle e rosse - a sommarsi alle disposizioni di detto provvedimento. 

Il susseguirsi delle norme legate all'evolversi dell'emergenza epidemiologica genera inevitabilmente dubbi interpretativi in ordine alla concreta applicazione delle disposizioni caratterizzate da una situazione di urgenza e di eccezionalità anche a fronte dell'eterogeneità delle situazioni che i sodalizi sportivi si trovano ad affrontare nella gestione e nella programmazione delle attività.

Stante ciò, è stata pubblicata la  Circolare 9/2020, a firma del Presidente Nazionale FIASP ALBERTO GUIDI, con la quale la Federazione ha disposto il blocco del Calendario Nazionale sino al 03 aprile 2020 ed i Comitati Territoriali che agiscono per conto ed in nome della Federazione sospenderanno le manifestazioni sino a tale data e terranno conto del tutto in sede di future omologazioni.

Attenzione: l'inosservanza delle prescrizioni di contenimento dell'emergenza epidemiologica essendo dettate per la tutela della salute pubblica e quindi per ragioni di igiene e di sicurezza pubblica, possono essere punite, salvo che il fatto costituisca più grave reato, ai sensi dell'art. 650 codice penale.

 

Nelle scorse ore la  Presidenza del Consiglio ha emanato un proprio decreto, in corso di pubblicazione, che recepisce e proroga alcune delle misure già adottate per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e ne introduce ulteriori, volte a disciplinare in modo unitario il quadro degli interventi e a garantire uniformità su tutto il territorio nazionale all’attuazione dei programmi di profilassi.
In base a tale provvedimento, all'art. 2 viene prorogata la sospensione nelle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona , sino all’8 marzo 2020, di tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose.
Viene, pertanto, confermata la sospensione delle attività omologate ed autorizzate dal Comitato FIASP di Padova fino alle ore
24.00 dell'8 marzo 2020.
Sono rinviate a data da destinarsi:
CIAO GABRIELLA dell'1/3 a Caselle di Selvazzano; ù
CUORI ROSA IN CAMMINO IL PERCORSO DEI SANTI PATRONI del 7/3  a Padova;
2° PEOPLE FREE RUN dell'8/3 a Campodoro;
2° PINK IS BETTER dell'8/3 a Carmignano di Brenta;
Camminata contro la violenza sulle donne dell'8/3 a Villanova di Camposampiero.

 
Riportiamo di seguito il testo dell'art. 2, mentre il testo integrale del provvedimento è consultabile qui

Misure applicabili nelle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona

Per tali regioni e province si stabilisce quanto segue:

  • la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all’8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati, a meno che non si svolgano “a porte chiuse”. Restano consentite le sessioni di allenamento, sempre “a porte chiuse”;
  • il divieto di trasferta organizzata dei tifosi residenti nelle stesse regioni e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona, per assistere a eventi e competizioni sportive che si svolgano nelle restanti regioni e province;
  • la sospensione, sino all’8 marzo 2020, di tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose;
  • è consentito lo svolgimento delle attività nei comprensori sciistici a condizione che il gestore provveda alla limitazione dell’accesso agli impianti di trasporto chiusi assicurando la presenza di un massimo di persone pari ad un terzo della capienza (funicolari, funivie, cabinovie, ecc.);
  • l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • la sospensione, sino all’8 marzo 2020, dei servizi educativi dell’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, di corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo la possibilità di svolgimento a distanza;
  • la sospensione delle procedure concorsuali pubbliche e private, ad esclusione dei casi in cui venga effettuata la valutazione dei candidati esclusivamente su basi curriculari e/o in maniera telematica, nonché ad esclusione dei concorsi per il personale sanitario, ivi compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo, e di quelli per il personale della protezione civile;
  • lo svolgimento delle attività di ristorazione, bar e pub, a condizione che il servizio sia espletato per i soli posti a sedere e che, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali, gli avventori siano messi nelle condizioni di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • l'apertura delle attività commerciali diverse da quelle di ristorazione, bar e pub, condizionata all’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori;
  • l'apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, a condizione che assicurino modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;
  • la limitazione dell’accesso dei visitatori alle aree di degenza, da parte delle direzioni sanitarie ospedaliere;
  • la rigorosa limitazione dell’accesso dei visitatori agli ospiti nelle residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti;
  • la sospensione dei congedi ordinari del personale sanitario e tecnico, nonché del personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dalle unità di crisi costituite a livello regionale;
  • l'obbligo di privilegiare, nello svolgimento di incontri o riunioni, le modalità di collegamento da remoto con particolare riferimento a strutture sanitarie e sociosanitarie, servizi di pubblica utilità e coordinamenti attivati nell’ambito dell’emergenza COVID-19.
  • fibrosi
  • Provincia
  • pd_cap running
  • cxp

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezioneCookie Policy